Up
0
Down
::
Postato da stefano_marini 30 Dicembre 2023
Membri

"Buongiorno, chiarisco subito che non sono un Presidente, ma non per questo mi sento meno coinvolto (direi quasi travolto...) dai cambiamenti della riforma e dalle criticità che ha introdotto. Uno sfogo sulla riforma sarebbe facile da un lato, ma lungo e tedioso da leggere dall'altro. Preferisco limitarmi a due pillole che magari non saranno centrali, ma rappresenterebbero due buoni temi su cui introdurre un miglioramento:
  • FIGURA DI LAVORATORE SPORTIVO - Vorrei partire da una semplice considerazione molto terra-terra: se qualcuno svolge un'attività regolare per la quale in qualche modo viene anche retribuito, non si parla di "lavoratore" ? E se l'attività di svolge nel perimetro dello sport, non si dovrebbe parlare di "lavoratore sportivo" ? Con questo non voglio allargare a dismisura la platea (vedi ambito amministrativo), ma semplicemente ricomprendere tutti gli allenatori di fatto (i "non patentati"). Sì perchè, almeno nel calcio, i "patentati" sono quasi una setta (già per accedere ai corsi ci vuole un curriculum sportivo di prim'ordine, senza contare il tempo e i costi necessari per frequentare i corsi e ottenere le abilitazioni) Questa "elite", correttamente creata per per garantire qualità a livello di conduzione primaria delle squadre agonistiche, non sembra molto sensata se si pensa al movimento di base e darà origine a distorsioni quasi ridicole. Nel calcio non è possibile trattare come lavoratore sportivo una persona che allena bambini da venti o più anni (quindi da prima che gli attuali patentini iniziassero ad esistere) e invece, in altri sport e con altre federazioni ed enti, si "svendono" certificazioni praticamente a tutti... Nell'Anagrafe Federale FIGC è tutt'ora possibile censire i cosidetti "dirigenti-allenatori" che sono la colonna portante soprattutto dei settori giovanili (ma sono anche i vice delle prime squadre e di tutta l'attività agonistica), salvo poi doverli per forza trattare come "volontari non retribuiti". E' una cosa senza senso pratico.
 
  • RESPONSABILITA' DEL LEGALE RAPPRESENTANTE - E' un tema ben più ampio che mi permetto solo di citare perchè mi pare se ne parli poco rispetto alla gravità della situazione. Le associazioni ormai faticano a trovare persone disposte ad assumere questo ruolo perchè ormai tutti sanno che si finisce nel mirino di chiunque voglia approfittare di qualche debolezza del sistema (ricordiamoci sempre che spesso si tratta di DILETTANTI e che come tali non sono tenuti ad essere esperti di ogni aspetto giuridico-gestionale, nè dispongono delle risorse economiche per accedere a costose consulenze ad-hoc). Servirebbe un'evoluzione che limiti la responsabilità al dolo o alla colpa grave, togliendo ogni conseguenza per fatti di tipo colposo. In sostanza, chiunque accede a un impianto sportivo pubblico (o fa accedere a un minore su cui esercita tutela), si assume in proprio la responsabilità di ciò che potrà capitare all'interno, a meno di azioni compiute dal gestore dell'impianto che ne possano aver minato il livello di sicurezza intrinseco. Provo a spiegarmi meglio con un esempio: se qualcuno dovesse inciampare in uno scalino, rimangono fatti suoi a meno che non si dimostri che lo scalino è stato creato/modificato dal gestore in difformità dal progetto originale o dalle autorizzazioni dell'ente proprietario dell'impianto. Mi rendo conto che è una questione complessa e che gli aspetti giuridici connessi sono parecchio articolati, ma è urgente metterci mano per evitare che le associazioni chiudano per mancanza di presidenti o, peggio, rimangano aperte con "presidenti prestanome" (nullafacenti, nullatenenti,...) che non danno nessuna garanzia reale di correttezza nella gestione.
Mi fermo qui nella speranza di aver portato un piccolo contributo alla discussione. Cordiali saluti. B.D.F" -----------------RISPOSTA--------------------------------------------------- Gentile Bruno
  • La possibilità di scrivere un commento è riservata ai soli membri del club. Per scoprire di più sul club dei presidenti di enti del terzo settore clicca qui.

Informazioni

r/la-posta-di-stefano-marini
Una raccolta delle mail di Stefano Marini
Creato il 06 gen 2024
4
Iscritti
Crea post